Parco Regionale del Monte Subasio

Data arrivo
Notti
Camere
Adulti
Bambini

Il Parco del Monte Subasio stupisce per la semplice bellezza dei suoi paesaggi!

Il Parco regionale all’interno del quale si trovano Le Silve, è la cornice naturale dei più suggestivi centri storici dell’Umbria: Assisi, Spello, Valtopina e Nocera Umbra

Storia, natura e cultura si fondono nel Subasio e la suggestiva cittadina di Assisi, ne costituisce la porta naturale.

Per la forma e la posizione isolata del Monte Subasio la viabilità principale ne lambisce i margini con la SS. 75 di collegamento tra Foligno e Perugia ad ovest, con la SS. 444 Assisana che raggiunge Gualdo Tadino a nord e, non lontana sul lato sud-est, passa la SS.3-Flaminia. Le strade che portano al Parco sono rappresentate essenzialmente da collegamenti tra i centri storici di Assisi, Spello, Nocera e Valtopina con i centri minori localizzati sul rilievo. Queste strade hanno una funzione prevalentemente turistica come quella che collega il centro della città di Assisi – Porta Cappuccini – all’Eremo delle Carceri, all’Abbazia di San Benedetto e alla sommità del monte.

Sempre da Assisi, e precisamente da porta Perlici, attraverso la SS. 444 prima e poi svoltando a destra, si trova Cà Piombino sede del Parco, e proseguendo si sale fino a Costa di Trex, e si raggiunge Spello toccando prima i centri storici minori di Armenzano, San Giovanni e Collepino.

Importante è la strada apicale che collega Assisi a Spello e che ricalca l’antico tracciato carrareccio. Questa strada che ha particolari caratteristiche di panoramicità, è frequentata da turisti per raggiungere i prati sommitali degli Stazzi sul versante di Assisi e il santuario della Madonna della Spella sul versante di Spello.

Sempre lungo questo percorso si trovano il Mortaro Grande e il Mortaro Piccolo, doline asciutte poste vicino la sommità del monte, utilizzate, nei secoli passati, per produrre il ghiaccio comprimendo la neve e per conservarlo fino all’estate.

Accanto a questa viabilità principale, percorribile in auto, con le limitazioni imposte alla strada sommitale da esigenze di protezione ambientale, si dirama una serie di sentieri organizzati per essere percorsi a piedi o a cavallo, partendo soprattutto dai borghi di Costa di Trex, Armenzano, San Giovanni e Collepino, e permettendo di raggiungere anche i prati della cima del rilievo.